Terremoto Messico (19/09/2017)    ||    Nucleare iraniano, Trump gela tutti: "Ho preso una decisione", ma non la rivela. I media: porterà fuori gli Usa dall'intesa    ||    Foggia, morta la 15enne a cui l'ex compagno della madre ha sparato al volto    ||    Catalogna, Madrid manda la Guardia Civil negli uffici del governo: 14 arresti. Proteste in strada    ||    La rabbia di Chiamparino: "Assurdo vietare agli ospiti i luoghi simbolo della città"    ||    Nibiru: il pianeta 9 e l'ennesima bufala sulla fine del mondo    ||    Papa Francesco al cinema a Natale: interpreta se stesso in 'Beyond the Sun'    ||    Calcio, diritti tv: offerta Mediaset per i Mondiali in Russia    ||    La vittoria dei pro-vax: raddoppiati gli italiani che credono alla scienza    ||    Adulti sempre più tardi: "I diciottenni di oggi inesperti come i quindicenni del ’76"    ||    Noemi, l'appello della madre ai funerali: "Giovani, l'odio porta soltanto violenza"    ||    Boxe, è morto Jake LaMotta: il leggendario 'Toro Scatenato'    ||    Ntv, tornano in sella Cattaneo e Montezemolo    ||    MotoGp, Rossi: "Parto per Aragon, proverò a correre"    ||    L'invasione delle 500 d'epoca: così il mito resiste    ||    Croazia, la scuola d'inglese offende Melania Trump: rimossi i manifesti pubblicitari    ||    'Ndrangheta, arrestato a Amsterdam il latitante Bonarrigo    ||    Inchiesta sulla gestione dei rifiuti, indagato il sindaco di Bagheria Cinque (M5S). I pm volevano l'arresto    ||    Ruba alle Poste: impiegato licenziato dopo la condanna, ma un giudice ordina reintegro e il pagamento degli arretrati    ||    Pisapia: "Se il Pd vuole la coalizione faccia primarie per il premier"    ||    Primarie M5S, da domani il voto su Rousseau mentre cresce il malumore dei militanti contro Di Maio    ||    Ryanair, il gran rifiuto dei piloti: "Niente bonus al posto delle ferie"    ||    Messico, oltre duecento morti per il terremoto. Strage nella scuola, 4 milioni al buio    ||    Addio manodopera a buon mercato, anche nell'Est Europa sale il costo del lavoro    ||    Una mamma italiana su 5 si è sentita insultata o maltrattata durante il parto    ||    Pensioni, sindacati al governo: "Bloccare l'aumento dell'età e sconto fino a 3 anni alle lavoratrici madri"    ||    Minniti, 'Marcia su Roma" di Forza Nuova è in contrasto con la legge    ||    Su Facebook il governatore Rossi plaude ai cazzotti contro i fascisti    ||    Circhi con animali, sì al "graduale superamento"    ||    'Give a Home', se il live (a casa tua) è benefico: le superstar unite per aiutare i rifugiati    ||    Usa, "voglio essere come Melania e Ivanka", la nuova moda della chirurgia estetica    ||    Elezioni Germania, Afd sempre più terzo partito: candidati di estrema destra verso Bundestag    ||    Causa di divorzio Berlusconi-Lario, Veronica: "Ho diritto allo stesso tenore di vita"    ||    Bari, muore a 12 anni durante l'intervento per una frattura al femore: s'indaga per omicidio    ||    Calunniò la sorella di Hamer: Vittorio Emanuele condannato a due anni di reclusione    ||    Meno vittime: effetto della legge sull'omicidio stradale    ||    Uragani, Maria si abbatte su Porto Rico. Nove morti nelle Antille    ||    Proteste in Russia per il film "La morte di Stalin", rischio censura    ||    Vecchio smartphone, cosa ci faccio? Una seconda vita per cellulari e tablet    ||    Materadio 2017, conto alla rovescia per la grande festa di Radio3 a Matera    ||    "Non sono razzista ma...": la paura ai tempi dello Ius soli    ||    iPhone 8 e 8Plus, la nostra prova: un salto "bionico" per Apple    ||    Crossland X, la Opel che non t'aspetti    ||    Da Rettore a Platinette, il cast di 'Tale e quale'    ||    Il segreto delle bianche scogliere di Dover: contengono polvere cosmica    ||    In ufficio alzatevi dalla sedia almeno ogni mezz'ora    ||    Dall'Umbria alle Canarie, quando l'ospitalità è per soli adulti    ||    "Guida Michelin? No grazie, preferisco vivere": lo chef tre stelle chiede di uscire dalla Rossa    ||    

ECCO COME UNA AZIENDA MUORE DI EQUITALIA . TUTTI LICENZIATI










La chiamata è arrivata in mattinata, un fulmine a ciel sereno. «Equitalia ha pignorato tutti i conti della società. È arrivato adesso l’atto». Una cartella da 70mila euro, relativa allo scorso anno d’esercizio. E non è nemmeno la prima. Dal 2010, anno in cui è iniziata la vera e propria crisi con il conseguente dimezzamento del fatturato e revoca degli affidamenti bancari, ne sono arrivate altre. Tutte relative a Irap, Irpef, Iva e vari anticipi delle imposte mai versati. Perché mai versati? Non c’era margine. O si pagavano dipendenti e fornitori, o si pagavano le imposte. Non è che ci fosse molta scelta.
Dal 2010 a oggi la situazione è andata via via peggiorando. Contratti che saltavano per riduzioni di budget, clienti che chiudevano, banche che revocavano affidamenti da un giorno all’altro, costi che salivano esponenzialmente, clienti che pagavano anche oltre i 180 giorni. Un disastro. Già un paio d’anni anni fa avevo capito che non c’era più niente da fare. L’azienda non si poteva salvare in alcun modo. Mio padre, no. Lui non ha voluto arrendersi. L’azienda è la sua vita, la sua passione. Ha provato a svenarsi per poterla salvare. Chiaramente non c’è riuscito. Era una missione impossibile.
A fine 2012 arrivano le prime cartelle esattoriali. Cifre da capogiro, gonfie di interessi, aggi e sanzioni che andavano quasi a raddoppiare gli importi inizialmente dovuti. Contestualmente arrivano i primi pignoramenti presso alcuni clienti, mai notificati. Sono stati i clienti stessi ad avvertirci. Decidiamo quindi di avviare le procedure per la rateizzazione del debito. Inutile, vengono fuori importi pari all’incasso totale mensile dell’azienda.
Che facciamo? Un dipendente di Equitalia ci consiglia di lasciare attivo il pignoramento oltre i termini di legge, così da pagare comunque una parte del debito. E così facciamo. Peccato che con una rateizzazione in essere, scopriremo in seguito che tutti i pagamenti ricevuti da terzi non concorrono al saldo delle rate. E così la pratica decade. E loro nel frattempo hanno incassato quasi 50 mila euro.
Torniamo a parlare con alcuni dirigenti di Equitalia, chiedendo se alla luce delle nuove normative ci fosse la possibilità di rateizzare nuovamente la cifra, questa volta a 10 anni. Sì, si potrebbe fare. Basta portare il bilancio. Ci consigliano nuovamente di lasciare attivi i pignoramenti in atto per evitare nuove azioni di riscossione. Ci avvertono, però: adesso c’è il mini-condono e la situazione è un po’ più calma. C’è una sorta di pace armata. Ma appena scadrà, Equitalia tornerà a colpire. E difatti, così è: colpisce più forte di prima. E stavolta fa davvero male.
Nonostante le parecchie migliaia di euro incassate, nonostante la ricerca di un accordo per provare a saldare la cifra, oggi si è arrivati all’epilogo peggiore. Il blocco di tutti i conti. È finita. Kaput. Stavolta è finita per davvero. Hanno decretato la morte dell’azienda per via raccomandata. Una mossa non solo odiosa, ma terribilmente stupida. Pignorare tutti i conti. E come pensano che un’azienda possa continuare a lavorare per saldare il proprio debito? Come paga i dipendenti? E i fornitori? E l’affitto dell’ufficio? E le spese di luce e telefono? Che importa, quelli son fattacci tuoi.
Ripensando ora a tutte le mosse, col senno di poi dico: hanno fatto bene. Stupidi noi a credere alla buona fede di Equitalia e del Leviatano. Mai fidarsi del proprio aguzzino. Uno Stato vessatorio e prepotente che pensa possa essere sostenibile una pressione fiscale reale sulle PMI al 68.3% che rispetto vuoi che possa avere per il proprio contribuente? Cosa vuoi che gli importi se non riesci a pagare? Lui di quei soldi ha bisogno. Per pagare sprechi, tangenti, ricche prebende. Manco gli interessano per mantenere i servizi pubblici, a giudicare dallo stato di abbandono e inefficienza. È come un tossico che vuole la sua droga. E ne vuole sempre di più. È inarrestabile. E passerebbe sopra il cadavere di chiunque pur di ottenerla.
Non ha alcuna pietà. Non gli interessa nulla di te. Sei solo un numero. Sei solo un contribuente da vessare, e della peggior specie: sei uno sporco evasore. Sei un ladro. Sei un bastardo. Poco importa se hai dichiarato tutto, ma non avevi i mezzi per pagare, per poter mangiare e mandare avanti l’attività. Rimani un rifiuto della società. Per la massa sei un delinquente. E ti meriti la gogna, ti meriti la fame. Così impari a voler fare libera impresa in un Paese che la libera impresa la osteggia e la disprezza. È giusto così.

Un ex imprenditore

Qua trovi la storia di Lino Ricchiuti - presidente nazionale del movimento Popolo Partite Iva --- > https://goo.gl/hZ69YT

Di Lino Ricchiuti | 22/06/2017


Commenti

Nessun commento inserito. Commenta per primo!

Per poter commentare l'articolo devi essere registrato
Nome utente:
Password:

Non ricordi la password? Clicca qui
Non sei registrato? REGISTRATI!

tesseramento

 

rinnova la tua adesione

 

- TROVA IL REFERENTE DI ZONA

 

 

Coordinatore Nazionale Gruppi Locali
Tel.: +39 370 3552 307

 

 

- AVVOCATI
Problemi legali? Chiedi agli esperti

- SERVIZI E CONSULENZA
trova il professionista che stavi cercando

- CERCO E TROVO LAVORO
offri e cerca nella nostra sezione lavoro

- PARTECIPA
Invia il tuo articolo

- ULTIMI COMMENTI INSERITI
michele Papa su Sondaggio "shock" sulle partite iva:
Con questi cambi di governo trovano sempre uno spunto in più per castigarci...

claudio Romagnoli su Sondaggio "shock" sulle partite iva:
Stiamo morendo lentamente, ogni giorno ci tolgono qualcosa ed aggiungono nuovi balzelli ed incombenze, ora basta !

Vito Umberto Vavalli su Ricchiuti (P.P.I.) "Serve lavoro? Andate in pellegrinaggio casa per casa":
Lle premesse illustrano chiaramente i problemi con cui combattiamo ogni giorno. L´invito ad iniziare un pellegrinaggio casa per casa è una efficace provocazione, che fa capire bene quanto in realtà la classe politica sia distante dalla gente, e in particolare dai piccoli imprenditori e dai lavoratori autonomi. Bell´intervento Presidente!

Paolo su Lettera di un piccolo imprenditore a un dipendente:
In effetti noto ogni giorno che i dipendenti in generale non immaginano nemmeno lontanamente come funzioninole cose da imprenditore, piccolo o grande che tu sia. Spesso i miei ex colleghi vengono a trovarmi in negozio, quando gli racconto quello che ti obbligano a pagare, servizi che paghi perchè obbligatori ma dei quali non usufruisci, truffe varie inventate da enti fantasma, ma che devi pagare per legge ecc. ecc, noto che si stupiscono di tutto ciò e ti chiedono come tiri avanti.

Adriano su Banca Turismo e Territorio:
FELICISSIMO, la cosa mi riempie di orgoglio in quanto il dott Vavalli l´ho portato personalmente nel movimento non appena ho capito che si trattava di un serio professionista e cosa che non guasta anche una persona splendida sotto il profilo umano.

italo Maremonti su Riprendiamoci la sovranità senza paura:
Ritengo che il Sig. Cipponeri abbia fatto un´analisi esaustiva della situazione economica del nostro paese

ADRIANO BARTOLOMEO su Riprendiamoci la sovranità senza paura:
Questo Paese non ha bisogno di politici idioti ma di imprenditori veri in grado di rilanciare l´economia "REALE"

Giuseppe Cipponeri su Appello, la rappresentanza della categoria :
Andrea, inizia a far conoscere il nostro Partito e soprattutto il nostro ideale Politico con i nostri punti del programma, fai in modo che si tesserenano anche gli altri, i numeri fanno la nostra forza, allora vedrai che le cose cambieranno, prima lo facciamo e prima riusciamo a cambiare le cose. Ti auguro buona domenica e ricorda, tutti i cittadini che stanno sulla nostra stessa barca hanno bisogno anche della tua forza.

Giuseppe Cipponeri su Appello, la rappresentanza della categoria :
Andrea, come tutte le categorie di lavoratori o piccoli imprenditori, anche la vostra categoria risente l´azione di devastazionedell´economia che il governo ha messo in atto, in accordo con la BCE e UE per smantellare lo Stato che ormai non siamo più Stato ma regione dell´Europa dopo la cessione della nostra Sovranità Monetaria, così ci annullano qui pochi diritti che ci erano rimasti. Noi dobbiamo unirci con tutte le forze esistenti in noi e tu come agente di comm. ne hai da vendere.

Andreacheniere su Appello, la rappresentanza della categoria :
Da oltre quaranta anni svolgo attività di agente di commercio. Debbo, purtroppo rilevare la totale mancanza di tutela della categoria. Penso che siamo importanti nella filiera commerciale! Intanto sarebbe opportuno obbligare le Aziende a versare le indennità in ENASARCO, in modo che al momento della pensione o licenziamento da parte della Azienda li troviamo. Oggi intera categoria mal tutelata.

 

POPOLO PARTITE IVA

Email: info@popolopartiteiva.com