Il fragile patto di governo e la sinistra da rifondare    ||    Pd, se la Leopolda torna al passato    ||    Italia-Francia, la frontiera senza diritti    ||    Una supersanatoria dove nessuno ha paura di essere punito    ||    A Palazzo Chigi scontro sul deficit. Tria: va ridotto. Di Maio: non esiste    ||    L’effetto rating tocca anche le banche, più caro trovare fondi e dare credito    ||    RepTv Conte spiega 'la manina' e Salvini ironico mostra la sua   di FRANCESCO GIOVANNETTI    ||    Condono, cosa cambia e cosa resta con l'accordo Lega-M5s    ||    Di Maio passa all'incasso al Circo Massimo: "Ha vinto l'onestà. Voglio la vostra felicità"    ||    Juventus-Genoa 1-1: stavolta Ronaldo non basta, Bessa firma l'impresa    ||    Trump ritira gli Usa dal trattato nucleare Inf sui missili a medio raggio    ||    Israele rinvia la demolizione della "Scuola delle gomme"    ||    F1, Gp Usa: pole di Hamilton, Ferrari in prima fila con Raikkonen    ||    Migranti, ancora scontro con la Francia. "Respingimento concordato". Salvini: "Vecchia prassi"    ||    Firenze, secondo giorno della Leopolda. Minniti: "Candidarmi? Al momento no"    ||    Rep Tv Duello Lucci-Boschi. "Vi fate il  congressino". E lei: "Qui non se ne parla"    ||    RepTv "Ritorno al passato, cosa cambieresti nella storia del Pd?" di A. LATTANZI e G. SCHOEN    ||    Mimmo Lucano: “L’odio contro Riace la sta rendendo più viva, i fondi privati ci salveranno”    ||    L’economia "giusta" di Zingaretti    ||    "Prigionieri della rete e dei cookies vampiri"    ||    L’Amaca di Michele Serra (21/10/2018)    ||    Attentati in tutto l'Afghanistan con oltre 50 morti. Emergency: "Prepariamoci, ne stanno arrivando altri"    ||    Volley, Mondiali femminili: Italia sconfitta in finale, la Serbia vince al tie break    ||    Robinson, gli editor che hanno fatto la letteratura    ||    Affari&Finanza si rinnova: “Ecco l’economia che ci piace”    ||    Alberto Angela porta 'Ulisse' nella patria di Sissi. Sui social: "Come sarebbe a dire ultima puntata?"    ||    Operazione città pulite: con “Repubblica” in strade e parchi    ||    Bonolis regala poncho a Renzi: "Così hai qualcosa di sinistra"    ||    L'esultanza in faccia che ha fatto inviperire Mourinho    ||    Il concorrente spiazza Fedez: canta e poi lascia lo show    ||    "C'è un orso in albergo": l'incontro nella notte    ||    La violinista e l'husky: il duetto inaspettato    ||    Insuperabile Sherol: Agnelli rompe regolamento    ||    Smartphone, la pagella agli operatori: Vodafone vince sul 4G, Tim sul 3G. Iliad si difende bene    ||    Biglietti per voli inesistenti. Nella bufera l'aeroporto di Linate    ||    Popolare di Vicenza, Zonin e gli ex vertici rinviati a giudizio    ||    Parte il tiro al debito italiano: almeno 35 miliardi di munizioni pronte a colpire    ||    Premier League: Barkley riprende lo United al 96' e Mou si infuria, rissa sfiorata    ||    Spagna, crisi Real: 1-2 contro il Levante, Lopetegui al capolinea. Barça in vetta, ma Messi si fa male    ||    Barcellona, Messi frattura un braccio: salterà Inter e Clasico col Real    ||    Sci: frattura del malleolo peroneale per Sofia Goggia, tornerà nel 2019    ||    Ghali conquista Torino: "Momento storico, qui c'è un figlio di tunisini cresciuto in periferia"    ||    Occhio al cielo nel weekend: notte della Luna e Orionidi, regalo della cometa di Halley    ||    Portaci o Tolkien nella selva oscura    ||    tv Crozza-Conte e i primi 100 giorni di governo: "Pronto, Luigi? Ti rifaccio subito il caffè"    ||    D'Alessio-Tatangelo: duetto al matrimonio    ||    Harry e il "nuovo arrivo": "Che gioia condividerlo con voi"    ||    Il grande rimpianto delle azzurre: quel penultimo punto sprecato    ||    Crozza-Tria assediato bofonchia, scappa e sbuca una "manina"    ||    La medusa si 'accende' negli abissi: il raro avvistamento    ||    All'asta i gioielli mai visti della regina Maria Antonietta    ||    Segna con un bolide imparabile ma la porta è quella sbagliata    ||    I palleggi più rischiosi di sempre: la palla può cadere nel vuoto    ||    L'acrobazia candidata a gol dell'anno: la rovesciata è perfetta    ||    "La voce di Den Harrow era mia": sfogo del cantante alla première    ||    Massini racconta: così Shakespeare conquistò gli indigeni del Québec    ||    Mia Market: Daphne e Giulio Regeni, i doc-inchiesta di Repubblica    ||    La lingua dei segni è arte: Colosseo e San Pietro    ||    'Persona', la mostra: Makinarium con Gucci - Curia Iulia, Colosseo, Via dei Fori Imperiali    ||    'Buona vita' da Marco Mengoni: nuovo album e tour all'insegna della bellezza    ||    'L'arte al cinema', Bernini apre la stagione: in sala dal 12 al 14 novembre    ||    Torino, quei ragazzi cresciuti nel "niente"    ||    Il manicomio dei piccoli    ||    ES17 - 5a puntata    ||    Il paese dei bimbi perduti    ||    Linus: "Sport e figli? Il mio mi batte sempre"    ||    Brexit, 750mila in piazza per un secondo referendum. Ian McEwan tra i manifestanti    ||    "Dopo la Brexit scapperò via". Da Angie a McEwan, da Martin a Jarvis Cocker, storie e volti della protesta di Londra    ||    Ian McEwan: “La Brexit è folle. Questa gente alza la voce per dire ai politici: ripensateci”    ||    Trieste, un morto e sei casi di morbillo. Burioni: "In Messico dal 1996 non hanno più vittime, noi sì"    ||    Papilloma virus, ora gli Usa estendono il vaccino agli adulti    ||    Tumore del seno: si apre l'era dell'immunoterapia    ||    Il medico scampato al disastro aereo: "Tornerò in Africa"    ||    Diciotti, nessun reato a Lampedusa ma i pm valutano cosa accadde a Catania. Salvini: "Già un primo passo"    ||    Brindisi, 2 migranti denunciano: "Feriti con la mazza da baseball da una ronda di razzisti"    ||    Sovranisti su Trento e Bolzano: “Faremo pulizia anche qui”    ||    Meriti, ma anche soldi: ecco i segreti per entrare nel mondo di Harvard    ||    Caso Khashoggi, alto funzionario saudita al New York Times: "Ha tentato la fuga, strangolato"    ||    Minacce di morte e insulti su Facebook contro Ilaria Cucchi    ||    Nuoro, ergastolo per un 22enne: uccise due giovani in Sardegna    ||    Livorno, ragazzo autistico picchiato nei bagni della scuola    ||    Moody's, Boccia dopo il taglio del rating: "Ora cambiare la Manovra". Savona: "Nessun rischio default"    ||    Rieti, giovane rimane ucciso durante una battuta di caccia al cinghiale    ||    "Pallini vaganti dalle 6 alle 13, non rispondiamo di ferimenti": polemica a Bergamo per i cartelli dei cacciatori    ||    Bologna, cade il vincolo sulla casa di Lucio Dalla: ai parenti la decisione sul futuro del patrimonio    ||    Coldiretti, Salvini e Isoardi tra i relatori al forum di Cernobbio    ||    Arrestato un nigeriano che fu vittima di Traini    ||    Buccinasco, quadro che inneggia a Mussolini al mercatino delle pulci: ambulante sospeso    ||    Aggiornata la convenzione di Palermo. Più cooperazione fra Stati contro le mafie    ||    'Fahrenheit 11/9', Moore contro tutti: "Salvini razzista, Trump il peggio, la sinistra senza leader"    ||    Helen Mirren e il marito indagati per abusi edilizi per una villetta sul mare nel Salento    ||    Maltempo: dopo il nubifragio vigili del fuoco ancora al lavoro nel Catanese    ||    Il premio Bottari Lattes allo scrittore cinese Yu Hua con il romanzo "Il settimo giorno"    ||    Pompei, si parla di olio nella nuova traduzione dell'iscrizione che cambia la data dell'eruzione    ||    Amazon, borse di studio per studentesse italiane. "In Europa abbiamo oltre 5000 ricercatori"    ||    Facebook scivola sui dati raccolti dal suo smart display Portal    ||    Huawei, Richard Yu: "I nostri Mate 20 non vi deluderanno: non abbiamo paura dei confronti"    ||    Apple, al via i preordini dell'iPhone XR: il più colorato della Mela    ||    Le colonnine delle auto elettriche su Google Maps    ||    Peugeot 308 Tech Edition, tutto di serie    ||    All’asta il casco di Ayrton Senna    ||    Nuova Berlingo, spazio e stile formato famiglia    ||    Irama, da 'Amici' al super tour: "Io, cresciuto con De André"    ||    Alla Festa di cinema di Roma 'Three minutes'. Riccardo Ghilardi, tre minuti per raccontare una star    ||    Cate Blanchett: "Se avessi un potere magico farei andare tutti a votare"    ||    Rihanna: no al Super Bowl 2019 in segno di solidarietà con Kaepernick    ||    BepiColombo, la prima volta dell'Europa verso Mercurio    ||    Stiamo uccidendo il Pando: il più grande essere vivente del Pianeta rischia di morire    ||    Cina, pazza idea: una luna artificiale per illuminare una metropoli    ||    Greenpeace: "C'è microplastica nel sale da cucina"    ||    Psichiatria, allarme risorse pubbliche: in Italia sono al 3,5%, in Europa al 15%    ||    Spagna al top della longevità, Italia sesta. Ma la salute globale peggiora    ||    Le nuove terapie oncologiche non sono solo un costo    ||    Un preservativo che si lubrifica da solo, per aumentare sicurezza e piacere sessuale    ||    Modica ce l'ha fatta: c'è la certificazione Igp per il cioccolato    ||    Guida Espresso 2019: i migliori ristoranti d'Italia, messi in fila regione per regione    ||    Roubaix museo sulla piscina. Riapre nel nord della Francia il gioiello Art Deco che non t'aspetti    ||    Montmartre sta perdendo il suo volto. Turismo di massa e immobili alle stelle scacciano abitanti e bohémien    ||    

COME BLINDARE IL C/C DAL PIGNORAMENTO FORZOSO DELLA SUPER-EQUITALIA








 

Cinque suggerimenti pratici che nessuno vi dirà e che consigliamo a tutti di condividere con i vostri amici per blindare il deposito in banca da eventuali esecuzioni forzate e aggressioni di Equitalia o della nuova SUPER AGENZIA DELLE ENTRATE-RISCOSSIONI.

Dati alla mano, sono ormai pochi – pochissimi – gli italiani che non hanno un conto corrente personale. Anche in favore dei minori d’età si aprono spesso depositi postali o bancari: è finita l’era degli investimenti in sterline d’oro o in oggetti preziosi (sul presunto valore che gli stessi potrebbero conservare nel tempo e che, invece, molto spesso ha fatto registrare dei flop clamorosi, come il mercato delle opere d’arte) .

Il denaro è anche la ricchezza mobile più facilmente liquidabile in momenti di crisi come questo. Dunque, non stiamo a discutere: salvo il fatto che il materasso è stato sostituito dalla banca, per il resto il deposito resta l’àncora più sicura per il risparmiatore.

Tuttavia il conto corrente presta il fianco a diversi problemi. Il fisco, innanzitutto: che attraverso un monitoraggio quotidiano (reso possibile dall’Anagrafe tributaria e dall’Anagrafe dei conti) è in grado di sapere dove abbiamo il deposito, qual è il suo saldo e quali sono le movimentazioni in entrata e uscita. A non essere in grado di giustificare prelievi e versamenti si rischia l’imputazione degli stessi a ricavi in nero(evasione fiscale). Con conseguente applicazione di esose tasse sanzioni. Chi ha subìto un accertamento dall’Agenzia delle Entrate ne sa qualcosa.

Non è tutto. Il peggio è che il conto corrente è trasparente anche ai creditori. Ad Equitalia soprattutto, che può consultare le predette banche dati (le due Anagrafi) per avere un’idea di dove pignorare. Ma anche le banche ne sanno quanto una intelligence. E per i privati c’è sempre la carta delle agenzie investigative che qualcosa dal cilindro la tirano sempre fuori.

Una volta “scoperto”, il conto corrente è facilmente aggredibile con il cosiddetto pignoramento presso terzi, proprio come un’auto lasciata con le chiavi attaccate sul cruscotto.

Esistono degli espedienti che consentono di “salvare il salvabile” ed evitare, così, di perdere davvero tutto. Ovviamente questo articolo non è un’incitazione a frodare i creditori né tantomeno un invito a non pagare i debiti. Al di là, infatti, del titolo puramente provocatorio (poiché, alla fine, di persone che danno “consigli” su come frodare i creditori ce ne sono a bizzeffe), abbiamo piuttosto deciso di tracciare uno spaccato, a titolo informativo, dei “trucchetti” (formalmente leciti) usati spesso dagli italiani per poter sfuggire alle grinfie di Equitalia o di qualche banca.

Ed allora, vediamo cosa la pratica quotidiana ha registrato in questi anni.

1 | Chiedi l’apertura di credito e lascia il conto in rosso ma nei limiti del fido

Un conto in cui non c’è niente non può essere pignorato (questo è ovvio). Ma non può neanche essere utilizzato dal titolare. C’è però una via di mezzo che consente di avere la botte piena e la moglie ubriaca. Con il contratto di apertura di credito (cosiddetto “fido”), il correntista ottiene dalla banca la possibilità di prelevare dal proprio conto, non solo le somme che vi ha depositato, ma anche una somma ulteriore che gli viene prestata di volta in volta dall’istituto di credito. In tal modo, il saldo resta formalmente “negativo”, ma è un debito autorizzato in anticipo dalla banca. L’importante è non sforare il limite concordato in contratto.

Per esempio: se il correntista ha un conto con una provvista di cinquecento euro e un fido di mille, può prelevare dal conto tutto ciò che vi ha depositato (500 euro, appunto) e, oltre a ciò, altre mille euro. Se non supera questo limite la banca non gli chiederà di rientrare nel debito (almeno finché dura il fido).

Ogni successivo versamento che il correntista riceverà sul conto andrà a ripristinare prima il fido scoperto con la banca e poi, eventualmente, la normale provvista, portando il saldo in “positivo”.

Dunque, se arriva un pignoramento in banca, il creditore non troverà alcunché da “bloccare”, nonostante il correntista abbia fino ad allora utilizzato liberamente il conto.

problemi di questo sistema sono due:

a) normalmente l’apertura di credito viene concessa a chi ha un’attività commerciale o professionale o, comunque, offre idonee garanzie di solvibilità (il fido, infatti, è un prestito a tutti gli effetti);

b) qualora dovesse intervenire un pignoramento, non si potrebbe più utilizzare il fido, cosicché il conto sarebbe di fatto definitivamente bloccato.

2 | Preleva tutti i giorni dal conto

Nulla vieta di prelevare i soldi dal conto corrente – per esempio, quelli che vengono versati mensilmente dal datore di lavoro per lo stipendio o dall’Inps per la pensione – e poi depositarli in un altro conto, intestato questa volta a un familiare. In tal modo, il primo conto sarà sempre a saldo “0” e il pignoramento non troverà consistenze da pignorare.

Dall’altro lato, il secondo conto non potrà mai essere pignorato perché formalmente intestato a un altro soggetto.

problemi di questo sistema due:

a) è sempre necessario redigere e firmare una scrittura privata (meglio se registrata) con il soggetto a cui è intestato il conto “beneficiario” dei versamenti: e ciò sia per evitare problemi con il fisco (che potrebbe chiedere al familiare da dove provengano tali redditi), sia per escludere che quest’ultimo, un giorno, rivendichi la proprietà delle somme;

b) portare a “0” il conto corrente non salverà i successivi versamenti del datore di lavoro o della pensione. Questi, infatti, verranno “bloccati” in automatico dalla banca non appena arriverà il pignoramento, in una misura pari alla somma pignorata (ossia il debito, le spese e gli interessi aumentati della metà: per esempio, per un debito complessivo di 500 euro si può pignorare il conto corrente per 750 euro, ossia 500 + ½ di 500).

3 | Cointesta il conto corrente con un familiare

Il conto corrente cointestato non può essere pignorato per intero, ma nei limiti del 50%. E questo è il primo indiscutibile vantaggio.

Inoltre, nel caso di conto cointestato, Equitalia non può attivarsi con la procedura “speciale” che le consente di bloccare il 100% conto senza passare dal tribunale e, quindi, senza l’udienza di assegnazione delle somme. Infatti, il conto bancario o postale cointestato rientra tra i cosiddetti “beni comuni indivisi” la cui espropriazione può avvenire solo davanti a un giudice il quale è tenuto a controllare la regolarità delle operazioni di divisione.

La diversità di disciplina si giustifica per il fatto che, se Equitalia procedesse secondo la normale riscossione esattoriale, finirebbe per pignorare l’intero conto, il cui 50%, però, appartiene a un soggetto diverso, che non è debitore.

Al contrario Equitalia deve provvedere secondo le norme del codice di procedura civile valide per tutti i pignoramenti presso terzi: ossia con citazione a un’udienza davanti al tribunale. La banca, prima dell’udienza, invierà una lettera al creditore in cui gli indicherà le somme presenti in conto.

A questo punto solo dopo la divisione del bene comune, ossia il conto corrente, il giudice potrà autorizzare l’assegnazione del 50% del conto (o della somma pignorata).

La Cassazione inoltre ha avuto più volte modo di chiarire che nel conto corrente bancario cointestato a più persone, le parti di ciascuno dei debitori e creditori solidali si presumono uguali – cioè al 50% – se non risulta diversamente.

4 | Apri un conto di riserva ma con un’altra banca

C’è ancora una via di salvezza. Avere un secondo conto consente, qualora intervenga un pignoramento su quello principale, di far affluire tutti i successivi pagamenti in quest’ultimo deposito, lasciando di fatto all’asciutto quello che è stato bloccato (meglio se, nel frattempo, è usata la precauzione numero 2).

È importante che il conto di emergenza sia instaurato con una seconda banca: infatti il pignoramento del conto viene notificato alla banca come soggetto unitario, invitandola a bloccare le somme presenti sul conto, qualsiasi esso sia, quindi ogni somma di denaro, crediti, corrispettivi, trattenute, conti correnti, depositi azionari ed obbligazioni, titoli di Stato e qualsivoglia altro bene fruttifero e non, intestato al debitore, fino alla concorrenza del credito pignorato.

5 | Dimostra che sul conto depositi solo lo stipendio o la pensione

Il tema è delicato e presuppone una premessa che ormai è a tutti nota. Con l’obbligo, imposto dalla legge, di accreditare le pensioni superiori a mille euro in un conto corrente, il creditore può arrivare a pignorare ben oltre il limite di un quinto (imposto dal codice civile): e ciò perché, secondo la giurisprudenza, una volta che le somme sono depositate in banca, confondendosi con gli altri risparmi e ricavi, possono essere pignorate al 100%.

Lo stesso discorso dicasi per gli stipendi, che ormai vanno pagati sempre con strumenti tracciabili e, quindi, di norma con accredito sul conto.

Per evitare, allora, che il creditore – massimamente Equitalia, che sa bene dove depositiamo i soldi – blocchi tutto lo stipendio (perché depositato in conto) e non solo il quinto (come invece dovrebbe essere), si deve evitare di movimentare il conto corrente con versamenti diversi da quelli della pensione o dello stipendio. Stando infatti a una sentenza del tribunale di Savona, si può impedire che Equitalia – o qualsiasi altro creditore – pignori tutto il conto corrente del pensionato o del dipendente qualora questi riesca a dimostrare al giudice che, all’attivo del conto, vi confluiscono solo la pensione o lo stipendio. In tal caso, è possibile far applicare la regola generale in base alla quale la pensione o lo stipendio non possono essere pignorati fino al minimo vitale (525,89 euro) e, per la residua parte, solo nei limiti di un quinto (fonte: www.laleggepertutti.it)

Clicca qua --> https://goo.gl/9UHhVq  per l´incredibile storia di Lino Ricchiuti co-fondatore e presidente nazionale del movimento politico Popolo Partite Iva 











Di Lino Ricchiuti | 09/06/2017


Commenti

Nessun commento inserito. Commenta per primo!

Per poter commentare l'articolo devi essere registrato
Nome utente:
Password:

Non ricordi la password? Clicca qui
Non sei registrato? REGISTRATI!

tesseramento

 

rinnova la tua adesione

 

Fai una donazione

 

- TROVA IL REFERENTE DI ZONA

 

 

Coordinatore Nazionale Gruppi Locali
Tel.: +39 370 3552 307

 

 

- AVVOCATI
Problemi legali? Chiedi agli esperti

- SERVIZI E CONSULENZA
trova il professionista che stavi cercando

- CERCO E TROVO LAVORO
offri e cerca nella nostra sezione lavoro

- PARTECIPA
Invia il tuo articolo

- ULTIMI COMMENTI INSERITI
michele Papa su Sondaggio "shock" sulle partite iva:
Con questi cambi di governo trovano sempre uno spunto in più per castigarci...

claudio Romagnoli su Sondaggio "shock" sulle partite iva:
Stiamo morendo lentamente, ogni giorno ci tolgono qualcosa ed aggiungono nuovi balzelli ed incombenze, ora basta !

Vito Umberto Vavalli su Ricchiuti (P.P.I.) "Serve lavoro? Andate in pellegrinaggio casa per casa":
Lle premesse illustrano chiaramente i problemi con cui combattiamo ogni giorno. L´invito ad iniziare un pellegrinaggio casa per casa è una efficace provocazione, che fa capire bene quanto in realtà la classe politica sia distante dalla gente, e in particolare dai piccoli imprenditori e dai lavoratori autonomi. Bell´intervento Presidente!

Paolo su Lettera di un piccolo imprenditore a un dipendente:
In effetti noto ogni giorno che i dipendenti in generale non immaginano nemmeno lontanamente come funzioninole cose da imprenditore, piccolo o grande che tu sia. Spesso i miei ex colleghi vengono a trovarmi in negozio, quando gli racconto quello che ti obbligano a pagare, servizi che paghi perchè obbligatori ma dei quali non usufruisci, truffe varie inventate da enti fantasma, ma che devi pagare per legge ecc. ecc, noto che si stupiscono di tutto ciò e ti chiedono come tiri avanti.

Adriano su Banca Turismo e Territorio:
FELICISSIMO, la cosa mi riempie di orgoglio in quanto il dott Vavalli l´ho portato personalmente nel movimento non appena ho capito che si trattava di un serio professionista e cosa che non guasta anche una persona splendida sotto il profilo umano.

italo Maremonti su Riprendiamoci la sovranità senza paura:
Ritengo che il Sig. Cipponeri abbia fatto un´analisi esaustiva della situazione economica del nostro paese

ADRIANO BARTOLOMEO su Riprendiamoci la sovranità senza paura:
Questo Paese non ha bisogno di politici idioti ma di imprenditori veri in grado di rilanciare l´economia "REALE"

Giuseppe Cipponeri su Appello, la rappresentanza della categoria :
Andrea, inizia a far conoscere il nostro Partito e soprattutto il nostro ideale Politico con i nostri punti del programma, fai in modo che si tesserenano anche gli altri, i numeri fanno la nostra forza, allora vedrai che le cose cambieranno, prima lo facciamo e prima riusciamo a cambiare le cose. Ti auguro buona domenica e ricorda, tutti i cittadini che stanno sulla nostra stessa barca hanno bisogno anche della tua forza.

Giuseppe Cipponeri su Appello, la rappresentanza della categoria :
Andrea, come tutte le categorie di lavoratori o piccoli imprenditori, anche la vostra categoria risente l´azione di devastazionedell´economia che il governo ha messo in atto, in accordo con la BCE e UE per smantellare lo Stato che ormai non siamo più Stato ma regione dell´Europa dopo la cessione della nostra Sovranità Monetaria, così ci annullano qui pochi diritti che ci erano rimasti. Noi dobbiamo unirci con tutte le forze esistenti in noi e tu come agente di comm. ne hai da vendere.

Andreacheniere su Appello, la rappresentanza della categoria :
Da oltre quaranta anni svolgo attività di agente di commercio. Debbo, purtroppo rilevare la totale mancanza di tutela della categoria. Penso che siamo importanti nella filiera commerciale! Intanto sarebbe opportuno obbligare le Aziende a versare le indennità in ENASARCO, in modo che al momento della pensione o licenziamento da parte della Azienda li troviamo. Oggi intera categoria mal tutelata.

 

POPOLO PARTITE IVA

Email: info@popolopartiteiva.com